Appena insediato Cota ha congelato 800 mila euro e ha messo in un cassetto 3 milioni

Posted by

PATRIZIO ROMANO

«L’inceneritore? Ha bruciato 4 milioni di euro, senza emettere diossina». Ci scherza su Maurizio Trombotto, presidente della Circoscrizione 10 di Torino, ma veder volatizzate le opere di compensazione lo allarma. Erano circa 5 i milioni previsti dalla giunta Bresso per i lavori nei Comuni di Torino, Rivoli, Grugliasco, Orbassano, Beinasco e Rivalta. «Ma appena insediata, la giunta Cota ha congelato 800 mila euro e ha messo in un cassetto 3 milioni» spiega Erika Faienza, consigliera provinciale del Pd e presidente del Comitato locale di controllo.

Insomma, il timore è che vadano in fumo piste ciclabili, parchi tematici e sportivi, ripristino delle sponde del Sangone, recuperi di aree degradate. «Non voglio neanche pensarci – sbotta Maurizio Piazza, sindaco di Beinasco – c’è un protocollo e lo si deve rispettare. Sennò siamo pronti alle barricate». E l’attacco alla giunta regionale non arriva solo dal Pd. «Prima di tutto difendo i miei cittadini – dice serio Eugenio Gambetta, sindaco di Orbassano, l’unico del Pdl della zona – e se ci sarà da protestare lo farò».

Allarmati perché rischiano di rimanere con il cerino in mano. «Comprendo l’ansia del collega di Beinasco – spiega Luigi Montiglio, vicesindaco di Grugliasco – abbiamo ricevuto fischi e urla per spiegare il progetto del termovalorizzatore, garantendo le opere di compensazione e ora sparisce tutto. Io le pietre per loro non le prendo». Stupiti e preoccupati. «Non possono fare retromarcia – ritiene Franco Dessì, sindaco di Rivoli – ci sono atti firmati che si devono rispettare, al di là dei problemi di bilancio, che abbiamo tutti». Un ritardo sì, sconti no.

«C’è il caso della Servizi Industriali che ancora lì, irrisolto – rimprovera Amalia Neirotti, sindaco di Rivalta – non possono credere che accettiamo pure l’inceneritore senza contropartite». All’arma bianca contro la Regione. «Ma le polemiche non ritardino i lavori – invita Trombotto – perché l’inceneritore va costruito. Le sponde, le piste e il verde sono importanti: guai, però, a trovarci in emergenza rifiuti. Poi, per dirla tutta, se la Bresso ci teneva così tanto perché non ha firmato il protocollo e perché non ha stanziato i fondi, lasciando quest’occasione al centodestra?».

«Io voci di corridoio sul perché ne ho sentite, ma non le dico – afferma sorridendo Roberto Ravello, assessore regionale – Invece voglio tranquillizzare tutti, sindaci e cittadini: quei fondi li troveremo. Il problema è che non potevo stanziare soldi senza un protocollo firmato». Comunque non nega le criticità di bilancio. «Assolutamente – conclude – ma non sarò io a negare le opere di compensazione e a non rispettare gli accordi. Quei lavori saranno fatti, parola».

«Se non dovessero arrivare i soldi per le opere di compensazione del termovalorizzatore, per noi sarebbe un vero problema». Lo dice senza troppi giri di parole Luigi Montiglio, vicesindaco di Grugliasco. Perché la sua amministrazione ha già garantito un parco con tante piante a coloro che hanno deciso di farsi una casa in via Moncalieri: un’area verde non solo per cancellare la poco piacevole vista del camino, ma anche per ridurre l’impatto ambientale. «E mentre procedono i lavori della Trm – spiega -, in contemporanea va avanti il cantiere per realizzare delle case vicino via Crea: 42 alloggi, 17 in edilizia convenzionata e 25 privata». Case basse, di due o tre piani, che si dovranno armonizzare con le cascine intorno. «Saranno realizzate secondo le regole del risparmio energetico – prosegue l’assessore – e con una particolare attenzione al contesto». Il guaio è che ora avranno vista sul termovalorizzatore. «Beh, ci sono case più vicine – ammette Montiglio -, comunque è così. Ma quelle case erano previste nel Piano regolatore, non potevamo non permettere che venissero realizzate. Tuttavia eravamo sereni, lì davanti era prevista una distesa di campi e un bosco, con tanto di piste ciclabili e un parco sportivo. Se non li realizziamo, adesso che cosa gli vado a raccontare?»

Leave a Reply