“Il governo si impegna a risolvere tempestivamente, con appropriate iniziative legislative, la questione degli esodati, della flessibilità in entrata e degli ammortizzatori sociali”. Con questa affermazione il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha accolto le nostre richieste sugli aspetti che devono accompagnare l’approvazione della riforma del mercato del lavoro. Solo in questo modo d’altra parte è stato possibile accogliere l’invito del governo a permettere l’approvazione della riforma prima del consiglio europeo del 28 giugno. Sugli stessi temi si è svolta anche l’informativa del ministro Fornero, che però non aveva indicato con chiarezza le soluzioni su questi temi. Ora verificheremo il rispetto degli impegni presi e la loro reale efficacia su questioni per noi centrali perché riguardano la vita reale di molti lavoratori, soprattutto per quelli che si trovano senza pensione e senza occupazione dopo l’entrata in vigore della riforma previdenziale.