Il PD per Grugliasco

ciclabile università
Come sempre continua l’impegno del Partito Democratico, sia politico che amministrativo, così come continua la collaborazione con tutti i concittadini che vogliono contribuire allo sviluppo della Città.
Nel corso dell’inverno il Partito Democratico e i suoi Consiglieri Comunali hanno organizzato degli appuntamenti serali sul territorio per presentare le cose fatte in 4 anni, quelle ancora da completare e ascoltare i problemi direttamente dai cittadini.
Borgata per borgata nel corso di 2 mesi, sono infatti stati organizzati incontri che – dopo un’introduzione su ciò che l’Amministrazione ha realizzato finora – si focalizzano sulla zona in cui si svolgono. I dibattiti scaturiti negli incontri già svolti (il ciclo terminerà a fine giugno), che nascevano dalle domande e, a volte, dalle lamentele che i partecipanti ci hanno rivolto, sono stati vivaci e, soprattutto, stimolanti: hanno infatti dato a noi consiglieri del gruppo PD, al Sindaco e ai nostri assessori, idee e impegni da perseguire nell’ultimo anno del mandato di questa Amministrazione prima del suo rinnovo nel 2017.
Nel frattempo è continuata l’azione amministrativa, svolta sempre nell’ottica di fare pesare il meno possibile sulle famiglie il brutto momento storico che l’Italia e l’Europa stanno attraversando e di rendere gradevole vivere in Grugliasco: le aliquote delle tasse comunali sono rimaste le più basse dei comuni  della Provincia e, nonostante ciò, siamo riusciti a mettere a dimora 274 nuovi alberi e migliorato l’offerta di giochi ed attrezzature ginniche nei parchi; sono inoltre da poco iniziati i lavori per la nuova pista ciclabile che collegherà il Polo Universitario alla Fermata Ferroviaria di Borgata Paradiso e per la pista ciclabile lungo l’asse di Via Leonardo da Vinci che termina la connessione ciclabile di borgata Gerbido al centro cittadino.
Grande impegno per la realizzazione della nuova linea 5 del Servizio Ferroviario Metropolitano che, passando da Grugliasco, collegherà il centro di Torino all’Ospedale di Orbassano ed in futuro l’aeroporto di Torino. Grugliasco ha ottenuto una seconda fermata ferroviaria lungo via Tirreno, in posizione baricentrica rispetto alle Borgate Quaglia e Lesna e avrà come prevedibili ricadute sia la diminuzione del flusso veicolare verso il centro commerciale, sia la rivitalizzazione di alcune attività (come quella del Centro di Formazione Professionale sito in via Somalia) in grado di attirare fruitori da tutta la provincia. Importante anche il lavoro fatto sulle scuole del Barocchio, su cui stiamo lavorando con la Città Metropolitana per farne un campus moderno in grado di ospitare nuovi indirizzi di studio.
E’ inoltre terminato l’iter burocratico/amministrativo che porterà, nei prossimi mesi, alla cantierizzazione di quanto pianificato nel Piano Generale del Traffico (presentato lo scorso anno in tutte le borgate interessate da variazioni viarie): i lavori, oltre a creare benefici allo scorrimento veicolare, avranno anche l’esito di risistemare le pavimentazioni stradali migliorandone la sicurezza.
Per contattarci potete scrivere a partitodemocraticogrugliasco@gmail.com, inoltre potete seguire le nostre attività alla pagina facebook: Partito Democratico Grugliasco e sul nostro sito www.pdgrugliasco.it

Virginia Raggi: male la prima.

raggi

A Roma il mandato del Sindaco Raggi comincia nel peggiore dei modi.
Oggi pomeriggio, s’insediava l’Assemblea Capitolina, mi avrebbe fatto piacere seguire la diretta, allora ho aperto il sito del Comune di Roma ma lo streaming funzionava male ed a singhiozzo.
Ho chiuso ed ho ripreso a fare altro.
Prima però ho aperto twitter e mi sono accorto che sul profilo ufficiale del neo Sindaco Virginia Raggi, campeggiava appunto un banner con l’invito a fare ciò che avrei voluto fare.
Il banner infatti diceva: PRIMA ASSEMBLEA CAPITOLINA, GIOVEDI’ 7 LUGLIO 2016 ORE 15.00 AULA GIULIO CESARE – CAMPIDOGLIO.
Ora tralasciando il fatto che l’assemblea cominciava alle 15.00 ed il tweet veniva pubblicato alle 15.57, la cosa curiosa è che non veniva linkato il sito ufficiale del Comune di Roma ma quello di Beppe Grillo.
Ora, basta aprire il blog del comico geovese, azionista di maggioranza (o forse azionista unico) del Movimento 5 Stelle per notare l’impressionante mole di pubblicità che l’utente si deve sorbire durante la navigazione.
Tutti quei banner pubblicitari, ad ogni visita, cubano introiti per il proprietario del sito, introiti che Grillo non ha mai dichiarato pubblicamente, alla faccia della trasparenza che chiede sempre agli altri partiti!
Non penso che questa azione sia degna del Sindaco della Capitale, un giochetto maldestro utile solo ad arricchire le tasche del proprietario del suo partito.
Ancora una volta si conferma la vera missione politica di Beppe Grillo…

Vigili nelle borgate a Grugliasco per il progetto Città Sicura

vigili_urbani

Ricomincia mercoledì 22 giugno il progetto “Città sicura – Vigili nelle borgate”, organizzata dall’Amministrazione comunale e dalla Polizia Locale di Grugliasco, in collaborazione con le associazioni di Borgata (Città Futura, San Giacomo, Fabbrichetta, Lesna, Gerbido, Paradiso, Quaglia in Paradiso, Ecovolontari Reg, Orti Urbani, Auser, Associazione nazionale volontari carabinieri e i Carabinieri della stazione di Grugliasco. Il progetto prevede, dalle 16 alle 18, tre uomini della Polizia Locale di Grugliasco a disposizione dei cittadini per quasi un mese nelle borgate cittadine e una postazione mobile nei parchi cittadini per monitorare e controllare il territorio. I vigili di Grugliasco saranno a disposizione dei cittadini con l’intento di ascoltare e raccogliere direttamente sul posto le eventuali problematiche e segnalazioni dei cittadini. Inoltre gli agenti saranno impegnati in un servizio di vigilanza delle Borgate: 8 incontri e presidi del territorio nelle borgate di Grugliasco.

«Questo progetto – afferma il sindaco Roberto Montà – ha l’obiettivo di raccogliere segnalazioni e problematiche. Ma non solo. Vogliamo che i cittadini abbiano a disposizione un punto fisso in ogni borgata della nostra Città dove i nostri agenti della Polizia Locale siano presenti e disponibili. In poche parole una maggiore presenza sul territorio dell’Amministrazione e delle forze  dell’ordine. Anche i Carabinieri si sono resi disponibili a collaborare. In questo modo vogliamo affrontare anche il tema del vandalismo, dei piccoli reati e della microcriminalità. Chiediamo a tutti i cittadini di aiutarci a segnalare qualsiasi atteggiamento sospetto, purchè precisa e puntuale».

Calendario incontri:

GIUGNO

3. Mercoledì 29: Borgo San Sebastiano, presso sede associazione Città Futura;

4. Giovedì 30: Borgo San Giacomo, presso sede associazione nel Parco Aldo Moro;

LUGLIO

5. Mercoledì 6: Borgo Quaglia/Borgo Paradiso, presso sede associazione Quaglia in Paradiso;

6. Giovedì 7: Borgo Centro, presso sede REG Ecovolontari nel Parco Porporati;

7. Mercoledì 13: Strada del Gerbido, presso sede dell'Associazione Orti Urbani.

8. Giovedì 14: Borgata Fabbrichetta, presso il centro civico di via Cln 53

Dopo la sconfitta: ricostruire una classe dirigente che sappia sporcarsi le mani

image

L’unica cosa che allevia il dolore post sconfitta è la comprensione delle motivazioni che hanno portato alla stessa.
Bisogna capire perché si è perso, dove si è perso e cercare di trasformare il deficit in consapevolezza.
Ovviamente questa è la mia analisi del voto, non è la verità assoluta, non pretendo neppure di avere ragione, questo post serve a me come sfogatoio e magari torna utile a qualcuno per migliorare la propria azione politica.
Ho capito che a torino si perdeva quando, dopo il risultato del primo turno, Fassino è uscito sui giornali dicendo che la strategia sarebbe stata l’attacco dell’avversario.
Ora mi chiedo, è possibile che una persona del calibro di Fassino che è stato segretario nazionale del più grande partito di centrosinistra dell’epoca, deputato, ministro e sindaco per 5 anni debba pensare a demonizzare il nemico anziché provare a raccontare meglio l’impegno profuso per la città in questi ultimi 5 anni?
Torino infatti non è stata immobile in attesa che la crisi finisse (ammesso che sia finita), la città ha lavorato per creare un nuovo modello di sviluppo, basato sempre meno sull’industria con particolare attenzione al turismo ed ai settori innovativi.
Ecco, questa cosa non è stata evidentemente percepita dai più, forse, e dico forse, c’è stato un errore o comunque qualche problema nel raccontare ai torinesi il proprio lavoro, il proprio impegno.
Molto probabilmente Fassino si è circondato di persone sbagliate e spesso sopravvalutate che non sono state capaci di consigliarlo al meglio, che hanno pensato più al proprio bene che a quello della politica. L’attività amministrativa, va raccontata quotidianamente, non solo in campagna elettorale, bisogna avere rapporti con tutti i livelli della società, dai giovani che usano i social network a quelli che manco sanno cosa siano, dai lavoratori ai pensionati senza creare distanze tra il palazzo e la piazza.
Questa distanza invece è aumentata negli anni, siamo passati dal sindaco che andava una volta a settimana a porta palazzo al sindaco che ci è andato una volta in 5 anni, in campagna elettorale.
Le guerre si vincono grazie alle singole battaglie quotidiane, troppo spesso date per scontate o date per vinte in partenza.
Un ruolo importante in questa sconfitta lo ha avuto il “non partito”.
Il Partito Democratico torinese in questo momento è una roba incompiuta, un non partito.
Questo è un dato di fatto, non lo dico io, lo dicono i fatti, un partito incapace di raccogliere le firme per le elezioni regionali, un partito incapace di tendere la mano e fidelizzare il proprio elettorato, un partito latitante sul territorio.
Per la storia delle firme ad oggi non c’è ancora nessun responsabile, così come per quanto successo alla circoscrizione 5, vedo tante vittime ma nessun colpevole.
Non bisogna rinchiudersi nei cerchi magici ma aprirsi alla società, facendo emergere persone nuove ed energie disponibili a mettersi in gioco per la cosa comune.
Tutto ciò non è avvenuto, il partito è fortemente piegato su se stesso, in molti casi autoreferenziale e composto da gente non in grado di rappresentare i propri concittadini ed in alcuni casi nemmeno di stare in società; gestito come una tribù con capi e capetti che hanno balcanizzato l’intero scenario politico.
Il partito democratico aveva l’ambizione di diventare un grande partito, in pochi anni è diventato però un partito grande in fase di declino, senza identità, senza struttura ed in alcuni casi senza nemmeno i militanti.
Renzi a mio avviso sta facendo bene il premier un po’ meno il segretario nazionale ed ha fatto male a trasformare queste elezioni in un anticipo del referendum.
La politica non può trasformarsi in una continua partita a poker, per queste cose ci sono già delle splendide serie TV.
Ad oggi i grillini non hanno dimostrato né l’onestà di cui si erano fatti promotori unici, né di essere buoni amministratori.
Questa non è una loro vittoria ma una nostra sconfitta.
Io personalmente non sono mai stato particolarmente fiducioso, ho fatto lo stesso campagna elettorale seppur con i miei dubbi e le mie perplessità sulla gestione del mio partito, sia a livello locale che a livello nazionale.
Ed ora?
Ora è molto semplice, basta con gli spot, bisogna raccontare bene le cose fatte, non quelle che si vorrebbero fare, una volta arrivati al fondo del barile si può continuare a raschiare o decidere di risalire, premiando magari le competenze e non la capacità di fare tessere, ripartendo dal tessuto di amministratori già presenti sul territorio che hanno dimostrato negli anni impegno e sacrificio.
Ora va costruita una nuova classe dirigente capace di radicarsi sul territorio in tutte le sue espressioni, selezionata e non cooptata, persone che abbiano voglia di sporcarsi le mani, non di tenerle in tasca.
Riguardo quella destra che dopo il pessimo risultato festeggia la vittoria di Appendino, mi viene in mente la seguente metafora:
“Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto, ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani”.

A questo punto: buon lavoro ai sindaci neoeletti e per quanto riguarda noi: al lavoro ed alla lotta!

Ps
Nota presuntuosa simpatica:
L’anno scorso durante una manifestazione, ero in giro col mio amico Luca Cassiani che, incontrando Chiara Appendino le dice: Chiara ti presento il mio amico Raffaele. Sapete cosa rispose?
Conosco bene Raffaele Bianco, fa il capogruppo a Grugliasco.
Beh!

Grugliasco: Torna il Nightbuster dal 24 giugno all’11 settembre 2016

155011_GTT-NIGHT-BUSTER[1]

Attivato anche a Grugliasco il Night Buster, le linee di bus notturni attive nelle notti tra venerdì e sabato, tra sabato e domenica e prefestive con capolinea centrale in piazza Vittorio, grazie all’Agenzia Mobilità Metropolitana e Regionale e a Gtt. Prima partenza venerdì 24 giugno fino all’11 settembre. «È un servizio che riteniamo fondamentale – spiega l’assessore ai trasporti di Grugliasco Luigi Turco – per i più giovani che, dal 2008, quando è stato inaugurato ha ottenuto un crescente gradimento da parte dei passeggeri. Si tratta di un risultato importante perché consente a tanti giovani di muoversi nelle notti dei weekend in piena sicurezza e comodità». Ecco nel dettaglio le linee della rete Night Buster che riguardano la zona ovest di Torino: Linea W1 arancione, da Rivoli – Collegno e ritorno. Partenze ogni ora. Prima partenza da Rivoli alle 23, ultima alle 4. La prima partenza da piazza Vittorio è alle 24, l’ultima alle 5. Linea W15 rosa, da Collegno – Grugliasco e ritorno. Partenze ogni ora. Prima partenza da Collegno alle 23, ultima alle 4. La prima partenza da piazza Vittorio è alle 24, l’ultima alle 5. Le tariffe sono quelle in vigore per la rete urbana e suburbana Gtt. Per informazioni: www.gtt. to.it e www.mtm.torino.it

DARE IN AFFITTO UN ALLOGGIO SENZA TROPPI RISCHI? TI PROPONIAMO UN’OPPORTUNITA’

200318031-001

Se hai un alloggio da affittare a Grugliasco o nei Comuni limitrofi e vorresti locarlo senza troppi rischi, ti proponiamo di contattare i nostri uffici per usufruire delle opportunità dell’Agenzia Sociale per la Locazione. 

L’agenzia Sociale per la Locazione è un servizio che facilita l’incontro tra un proprietario di alloggio ed un inquilino inserito nel progetto, prevedendo specifici benefici per entrambe le parti.

Al PROPRIETARIO è richiesto di sottoscrive un contratto concordato, ai sensi della L 431/98, art. 2, comma 3 che  prevede parametri particolari di canone e consente le seguenti agevolazioni fiscali:

IRPEF: ai fini della dichiarazione dei redditi, il reddito imponibile derivante al proprietario è ulteriormente ridotto del 30% rispetto ai “contratti di mercato libero”;

CEDOLARE SECCA: in alternativa al regime IRPEF, il proprietario può optare per il regime a cedolare secca, attualmente corrispondente al 10% del canone d’affitto annuo, per i contratti a regime “convenzionato”. L’opzione della cedolare secca consente inoltre l’esenzione dall’applicazione dell’imposta di registrazione e bollo del contratto, ma il locatore rinuncia ad applicare aumenti del canone e degli indici ISTAT.

IMPOSTA DI REGISTRO: è calcolata solo sul 70% del canone annuo.

(vedere eventuali modifiche fiscali più convenienti).

IMU : viene applicata un’aliquota agevolata  abbattuta del 25% rispetto al parametro dell’anno precedente  per gli alloggi e non per le pertinenze.  Per il 2016 l’aliquota è del 3,38 %o (il 25% del 4,5%o,) . L’agevolazione decorre dal momento in cui l’inquilino prende la residenza nell’alloggio.

Inoltre il proprietario che aderisce all’Agenzia Sociale per la Locazione:

  • riceve un contributo a fondo perduto da 1500 a 2000, variabile in base alla durata del contratto
  • è garantito da un fondo di garanzia che in caso di attivazione di procedura di sfratto per morosità interviene a rimborso del dovuto fino ad un massimo di 18 mensilità del canone pattuito.

L’inquilino che rientra dei requisiti previsti dall’iniziativa riceve a sua volta un contributo a fondo perduto per le spese di avvio del contratto.

Chi fosse interessato può contattare l’Ufficio Sicurezza Sociale al numero 011/4013330 o all’email: sicur.sociale@comune.grugliasco.to.it per approfondire le condizioni o fissare un appuntamento.

Iniziati i lavori per la nuova pista ciclabile dell’università

ciclabile università

ciclabile

Sono iniziati i lavori per la nuova pista ciclabile che collegherà la fermata Ferroviaria di Grugliasco in corso Adriatico, a Borgata Paradiso, al Polo universitario di via Da Vinci. I lavori prevedono anche opere di riqualificazione urbana con nuovi marciapiedi, aiuole e panchine lungo i nuovi viali.

Si tratta di un percorso ciclo-pedonale, una pista ciclabile con doppio senso di marcia (m 2,50 di larghezza) e un marciapiede che consente il transito anche dei pedoni. Il tracciato del percorso di circa un chilometro, inizia dalla fermata ferroviaria situata in borgata Paradiso e si sviluppa a margine della rete ferroviaria esistente. Prosegue nei terreni utilizzati dall’università e poi devia nel viale centrale del parco Lorenzoni (ex O.P. Grugliasco), lungo il viale centrale dove da un lato abbiamo l’Università e dall’altro le palazzine dell’Als, 118 e Arpa Piemonte, raggiungendo l’entrata dell’Università posta lungo via Leonardo da Vinci. Naturalmente chi arriva in stazione o vive in borgata Paradiso potrà accedere alla pista ciclabile e raggiungere l’abitato di Grugliasco (zona entrata università su via Leonardo Da Vinci) senza fare il cavalca-ferrovia di corso Torino.

Le stime dei lavori prevedono la conclusione entro l’anno.

Attivo il nuovo centro fotovoltaico di Grugliasco

fotovoltaico-cimitero

È attivo il nuovo centro fotovoltaico di Grugliasco, in corso Torino, vicino al cimitero, dove qualche anno fa sorgeva un impianto di demolizione prima e l’Ecocentro comunale dopo. L’intera area è stata bonificata e riqualificata con uno dei più grandi centri fotovoltaici della zona ovest di Torino. La produzione di energia è di 200 kw e si va ad aggiungere agli altri 5 impianti fotovoltaici realizzati dal 2010 ad oggi dalla società Le Serre, in attuazione del piano comunale per il risparmio energetico e l’utilizzo di fonti energetiche alternative e rinnovabili. In tutto 6 impianti sfruttando superfici e aree di proprietà comunale:

 

EDIFICIO LA NAVE
Anno di realizzazione: 2011
Potenza impianto: 49,68 kw

EDIFICIO CITTA’ DELLA CONCILIAZIONE EST
Anno di realizzazione: 2011
Potenza impianto: 100,74 kw

EDIFICIO CITTA’ DELLA CONCILIAZIONE OVEST
Anno di realizzazione: 2011
Potenza impianto: 67,62 kw

EDIFICIO ALDO MORO
Anno di realizzazione: 2011
Potenza impianto: 12,88 kw

EDIFICIO NELLO FARINA
Anno di realizzazione: 2013
Potenza impianto: 16,80 kw

AREA EX ECOCENTRO PER INERTI
Anno di realizzazione: 2012
Potenza impianto: 200 kw
Impianto a terra

NO TAV O LIBERAZIONE? VIOLENZA O LAVORO?

disagio-mentale
Giusto stanotte riflettevo sulla perversione della gente.
Non è che ci pensavo perché non avevo pensieri più belli a cui dedicarmi, lo facevo perché ieri sera è successa una cosa che mi ha lasciato alquanto perplesso.
Ieri, come ogni 30 Aprile, a Grugliasco si commemoravano i 68 martiri trucidati dai nazisti in ritirata. Per lo più ragazzini, un prete e diversi fratelli uccisi senza alcun motivo.
Ogni 30 Aprile una cerimonia toccante, profonda ed a tratti emozionante.
Premesso che NESSUN componente della minoranza consiliare ha ritenuto utile sacrificare il proprio sabato sera per 68 ragazzi che diversi anni fa ci hanno regalato la libertà, alla fine dell’evento, un cittadino mi avvicina e mi dice: hai visto quel coglione che durante la cerimonia sventolava la bandiera NOTAV?
No, non lo avevo visto, ero rivolto verso gli oratori, e molto probabilmente non lo ha visto nessuno che non si fosse girato per guardare chissà per quale motivo, il fondo della sala.
Ma lui era li, sventolava una bandiera, lo faceva per se stesso, non per altri, perchè nessuno lo vedeva, preso dalla sua malattia di perversione compulsiva.
Bisogna avere una mente perversa e malata per uscire di casa ed andare alla commemorazione dei martiri locali con la bandiera di chi si oppone ad un treno.
Perversione e malattia più grave colpisce chi, invece, esce di casa con una spranga di ferro per andare a festeggiare il 1 Maggio.
Ogni anno è la stessa storia, questa volta il pazzo mitomane è stato fermato in tempo dalle forze dell’ordine.
A loro va il mio pensiero, persone che lavorano anche il primo maggio e permettono la libera espressione di tutte le persone in buona fede.
Grazie.

Grugliasco: anche cani e gatti potranno entrare nel cimitero

cane

Patrizio Romano – LaStampa

Il cimitero di Grugliasco apre le porte anche agli animali di affezione. L’amministrazione comunale, infatti, ha portato in Consiglio una delibera per adattare a questa novità il regolamento di Polizia mortuaria. A proporre la possibilità di ingresso di cani e altri animali da compagnia è stato Raffaele Bianco, capogruppo del Pd. «L’idea? Mi è venuta sia da segnalazioni di cittadini che mi chiedevano come mai i loro animali non potevano entrare nel cimitero – racconta – e poi ho notato diverse persone che, avendo il cane, non sapevano cosa fare e dove poterlo lasciare in sicurezza».
Così viene a scoprire che l’accesso degli animali al cimitero non è affatto normato. «E ho posto il problema all’assessore Luigi Musarò che con gli uffici ha preso a cuore il caso – ammette – e hanno stilato un nuovo articolo, l’11 bis, in cui si stabilisce la possibilità di ingresso agli amici a quattro zampe e non solo». L’articolo, infatti, prevede sia l’accesso al camposanto di cani, tenuti al guinzaglio e con al seguito la museruola e il necessario per raccogliere le deiezioni, ma anche quello di gatti, all’interno di trasportini, o anche di uccellini ed altri animali dentro le apposite gabbiette.
Ma hanno pensato anche ai possibili problemi. «Mi auguro che non ci sia bisogno di controlli particolari, visto il luogo – dichiara Bianco -, però le inosservanze basta segnalarle agli operatori». E per chi trasgredirà ci sono sanzioni che variano da 25 fino a 500 euro. «Perché aprire agli animali di affezione? – puntualizza -. Perché sono considerati come dei componenti della famiglia».