Basta aspettare e prima o poi vedremo anche l’operato degli Appendino’s boys

ministeri

In questi primi mesi di mandato a nessuno è sfuggita la scarsa attività della giunta Appendino. Ai macro problemi che si sono creati, Salone del Libro, alghe, concessione tangenziale, bisogna aggiungere quelli che questa giunta sta creando, uno su tutti l’ipotetico stralcio del tunnel di corso Grosseto. Ci troviamo di fronte ad una compagine di persone che, oltre a non affrontare i problemi esistenti, ne crea di nuovi con probabili sanzioni che pagheranno i torinesi, tutti. Detto ciò non può che sorprendere l’approccio pentastellato alle problematiche quotidiane.

Sollevato il problema della concessione autostradale di Ativa, non un sussulto dall’Amministrazione comunale, per fortuna che della materia se n’è occupato direttamente il Ministro Delrio. Salone del Libro? Che intervenga Franceschini, per l’amor di Dio, noi siamo sabaudi, non possiamo alzare i toni e riprenderci ciò che già è nostro. Alghe? Si è arrivati direttamente al Ministro dell’ambiente Galletti; dopo aver ritenuto troppi 40.000 euro per bonificare il Po dalla brutta e cattiva vegetazione si è chiesto l’intervento ad una serie di volontari, ribaltando la concezione politica grillina (che vede le istituzioni a servizio dei cittadini) peggiorando la situazione.

Ora mi chiedo, ma cosa aspettano i Ministri Giannini e Lorenzin ad occuparsi dello sciopero del panino? Ma bisogna sempre chiedere tutto?
Suvvia ministri, un po’ d’iniziativa! In tutta questa situazione, però, sono fiducioso.
Prima o poi gli Appendino’s boys batteranno un segnale e si occuperanno di qualche problema, foss’anche solo uno.
Basta aspettare.

A SETTEMBRE PARTE LA SPERIMENTAZIONE SPID CON I CERTIFICATI ANAGRAFICI ONLINE

spid

Da settembre partirà, in via sperimentale, l’accesso ad alcuni servizi online del Comune di Grugliasco tramite l’utilizzo del Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID). Il ritardo nell’avvio della suddetta procedura è legato alle sopraggiunte disposizioni da parte degli organi di riferimento (AgID), che hanno richiesto un ulteriore adeguamento strutturale della piattaforma software, impedendo di conseguenza il rispetto dei precedenti termini di lancio dei servizi online.

Servizi online

Si tratta dei certificati anagrafici e delle prime undici istanze che possono essere processate per via telematica, inerenti alle Politiche abitative e alle Politiche per la terza età.

Il pacchetto di servizi è accessibile sul portale J-city (http://jcity.comune.grugliasco.to.it) e sarà a mano a mano incrementato.

Quanto alla registrazione a SPID le comunichiamo che attualmente i gestori che permettono l’accreditamento sono tre: Poste Italiane, InfoCert e Tim. Per le modalità di registrazione la invitiamo a visitare il sito www.spid.gov.ite in particolare la pagina “Come ottenere SPID” alla pagina www.spid.gov.it/#credenziali

Per i cittadini già registrati al servizio “Certificati anagrafici”

Si avvisano gli utenti registrati prima del 4 luglio che l’accesso ai servizi on-line è reso possibile attraverso il collegamento al seguente link:

ACCEDI AI SERVIZI

oppure premendo l’icona in home page “Certificati digitali”.

I dati necessari per accedere al portale sono i seguenti:

  • UTENTE: inserisca il codice utente già in suo possesso;
  • PASSWORD: inserisca il valore P12345678;

Al primo accesso le sarà richiesto di modificare tale password e di verificare/completare i suoi dati di riferimento.

Attenzione

Completata la fase di sperimentazione di SPID (presumibilmente in autunno) anche tali ultimi utenti già registrati dovranno in ogni caso accreditarsi al suddetto sistema nazionale SPID. Le credenziali di SPID sostituiscono quelle precedenti.

DAL 2 SETTEMBRE E’ POSSIBILE PRESENTARE LA DOMANDA PER PARTECIPARE AL PROGETTO CON SUSSIDI ECONOMICI PER LE FAMIGLIE PIÚ DISAGIATE

monete

In avvio il progetto di Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA), una misura nazionale di contrasto alla povertà, che prevede l’erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate, nelle quali siano presenti persone minorenni, figli disabili o donne in stato di gravidanza accertata. Il nucleo deve avere un Isee inferiore o uguale a 3.000 euro.

Il sussidio è subordinato all’adesione a un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa da parte del nucleo richiedente.

Le domande possono essere presentate dal 2 settembre 2016 presso il Comune di residenza, con allegata copia del documento d’identità:

A Grugliasco, presso lo Sportello alla Città in piazza 66 Martiri 2, dal lunedì’ al venerdì, dalle 9 alle 17.

Il modulo di domanda è reperibile presso il sito dell’INPS al seguente link:

http://www.inps.it/MessaggiZIP/Messaggio%20numero%203322%20del%2005-08-2016_Allegato%20n%201.pdf

Sul sito vengono precisati ulteriori requisiti per l’accesso alla misura.

Dal 29 agosto il modulo sarà distribuito anche in formato cartaceo presso la sede del Cisap (il consorzio intercomunale di assistenza alle persone) in via Leonardo da Vinci 135, dalle 13,30 alle 15,30 nei giorni lunedì, mercoledì e venerdì.

Maggiori info: http://www.lavoro.gov.it/temi-e-priorita/poverta-ed-esclusione-sociale/focus-on/Sostegno-per-inclusione-attiva-SIA/Pagine/default.aspx

 

Il Partito Democratico ritrovi il coraggio d’indignarsi revocando l’invito alla festa de L’Unità a Gigi D’Alessio.

Gigi_dAlessio

Leggendo i giornali di oggi salta all’occhio una vicenda che parrebbe legata a debiti ed a episodi da chiarire in sede giudiziaria del noto cantante napoletano Gigi D’Alessio.

Il cantante, invitato dal Partito Democratico torinese alla festa de L’Unità per parlare di diritti d’autore, sembrerebbe infatti coinvolto in vicende di pignoramenti, debiti, libretti auto falsi, transazioni poco limpide, ipoteche ed azioni giudiziarie varie.

Penso che alla luce di questa situazione poco trasparente il Partito Democratico non possa far finta di niente chiudendo un occhio; bisogna infatti ritrovare il coraggio d’indignarsi, ringraziare il cantante per la sua disponibilità e revocare l’invito.

Il tema in discussione è tanto interessante quanto importante, sono stato il primo a sostenere l’utilità nell’invitare il cantante, pur vicino al centrodestra.
Penso però che i fatti riportati oggi collidano col codice etico del Partito Democratico che deve improntarsi sul riformismo, ma che deve comunque mantenere intatta la capacità d’indignarsi.

Al cantante napoletano auguro di poter chiarire nelle sedi opportune le vicende che lo vedono coinvolto ed auspico che rientri rapidamente dei debiti accumulati nel tempo.

Se il buongiorno si vede dal mattino, qualcuno svegli Chiara Appendino

chiaraappendino

Questa mattina apprendo dai quotidiani che riguardo la vicenda ATIVA, si è mosso direttamente il ministero e quindi il governo. Con una nota romana infatti, ci rassicurano dicendoci: nessuna revoca degli abbonamenti alla tangenziale. BENE!
Detto ciò trovo surreale il silenzio del Sindaco di Torino Chiara Appendino che, così come per la vicenda alghe, non si occupa del tema ed aspetta che qualcuno lo faccia al posto suo, magari volontariamente.
Nel frattempo il Po peggiora di giorno in giorno ed ai pendolari di Torino ci devono pensare a Roma.
Magari il neo sindaco è ancora in vacanza, non vorrei disturbarla, ma ci sono un po’ di cose che vanno gestite quotidianamente, se non da lei, almeno dalla sua giunta o dalla sua squadra, passata alle cronache non per la bravura ma per la bassa retribuzione.
Ecco, speriamo che il rendimento della sua squadra non sia proporzionale al reddito percepito, altrimenti non ci resta che sperare la permanenza in vacanza di Appendino e la sua sostituzione con chi realmente ha capacità e voglia di governare.

Trasporti: Pd e Fi difendono abbonamenti tangenziale Torino

image

Ativa, la cui concessione scade il 31 agosto, intende tagliarli (ANSA) – TORINO, 18 AGO – Contro la presa di posizione del cda di Ativa, che dopo il mancato rinnovo della concessione in scadenza ha annunciato l’intensione di revocare dal primo settembre gli abbonamenti alla tangenziale di Torino, si schiera una compagine politica trasversale che spazia dal Pd a Forza Italia. Il parlamentare Stefano Esposito (Pd), vicepresidente della Commissione Trasporti del Senato, aveva parlato di “una sorta di vendetta” dell’attuale concessionaria, annunciando la richiesta di “un’immediata diffida” e di una “gestione in amministrazione controllata per i prossimi 18 mesi”, pari alla durata della proroga tecnica che è stata concessa ad Ativa per predisporre il bando della messa a gara della concessione. “Minacciare la cancellazione dell’abbonamento, che interessa 30 mila utenti – rimarca il consigliere regionale Pd Antonio Ferrentino – è una risposta arrogante e antistorica. Il 7 settembre Ativa sarà audita dalla II Commissione, ma prima di allora la Città metropolitana di Torino e la Regione Piemonte dovranno fare ogni sforzo perché Ativa ritiri i propositi ricattatori”. Anche il vicepresidente del Pd di Torino, Raffaele Bianco, chiede “un reale impegno del sindaco Chiara Appendino e del consigliere in quota al Comune di Torino per scongiurare questo improvviso balzello” ai danni dei pendolari torinesi. Sul fronte azzurro il capogruppo di Forza Italia al Comune di Torino, Osvaldo Napoli, afferma che “la politica della mobilità rischia di trasformarsi in politica dell’immobilità, accentuando l’isolamento dei nostri territori”. Come si ricaverebbe, dice, anche da altre due decisioni: quella di Ryanair “di investire 1 miliardo in Italia ignorando completamente Torino” e quella di Ntv “di sopprimere gli abbonamenti sull’Alta capacità per i pendolari della Torino- Milano”. “Comune e Regione – sostiene l’azzurro – non hanno dato il benché minimo segno di attivismo su tre questioni che riguardano la vita di migliaia di persone e impattano in modo pesante sulla spesa delle famiglie. Paventare il progressivo isolamento del territorio non serve a niente se non si mettono in campo iniziative forti”. La concessione di Ativa scade il 31 agosto per cui, concludono i politici in modo bipartisan, “è necessario agire tempestivamente”. (ANSA).

Quanto deve costare la squadra di un sindaco?

alghe

Non lo so e non penso manco se il costo dello staff di un Sindaco sia un problema importante, penso invece che prima ancora dei compensi, siano importanti le qualità e le capacità.
Proprio oggi, leggo su LaStampa che la squadra di Appendino costa circa la metà della squadra di Fassino.
Sempre nella stessa pagina, leggo il monito di ARPA riguardo le alghe del Po.
La settimana scorsa, il Sindaco e la sua squadra, per la felicità dei media, sono andati a fare la messa in scena sul fiume assieme un gruppo di volontari per risparmiare 40.000 euro (quarantamila), cifra oltretutto ridicola se paragonata ai numeri del bilancio della Città di Torino.
Ora mixando quanto detto fino ad ora mi chiedo: Non era meglio pagare di più la propria squadra, ricevere un consiglio migliore e fare una figura meno ridicola rispetto quella che stiamo facendo con i turisti che in questi giorni invadono Torino?
Vi posso assicurare che il fiume pieno di alghe è uno spettacolo pietoso quanto vomitevole; anzichè una soluzione rapida e definitiva, il nuovo Sindaco ha preferito una soluzione più mediatica che però non ha risolto alcun problema. E’ ovvio che non è solo colpa sua, la responsabilità di questo gesto lesivo nei confronti della città va ricercata tra quelle persone che guadagnano poco. E che di conseguenza danno pessimi consigli.

Il PD per Grugliasco

ciclabile università
Come sempre continua l’impegno del Partito Democratico, sia politico che amministrativo, così come continua la collaborazione con tutti i concittadini che vogliono contribuire allo sviluppo della Città.
Nel corso dell’inverno il Partito Democratico e i suoi Consiglieri Comunali hanno organizzato degli appuntamenti serali sul territorio per presentare le cose fatte in 4 anni, quelle ancora da completare e ascoltare i problemi direttamente dai cittadini.
Borgata per borgata nel corso di 2 mesi, sono infatti stati organizzati incontri che – dopo un’introduzione su ciò che l’Amministrazione ha realizzato finora – si focalizzano sulla zona in cui si svolgono. I dibattiti scaturiti negli incontri già svolti (il ciclo terminerà a fine giugno), che nascevano dalle domande e, a volte, dalle lamentele che i partecipanti ci hanno rivolto, sono stati vivaci e, soprattutto, stimolanti: hanno infatti dato a noi consiglieri del gruppo PD, al Sindaco e ai nostri assessori, idee e impegni da perseguire nell’ultimo anno del mandato di questa Amministrazione prima del suo rinnovo nel 2017.
Nel frattempo è continuata l’azione amministrativa, svolta sempre nell’ottica di fare pesare il meno possibile sulle famiglie il brutto momento storico che l’Italia e l’Europa stanno attraversando e di rendere gradevole vivere in Grugliasco: le aliquote delle tasse comunali sono rimaste le più basse dei comuni  della Provincia e, nonostante ciò, siamo riusciti a mettere a dimora 274 nuovi alberi e migliorato l’offerta di giochi ed attrezzature ginniche nei parchi; sono inoltre da poco iniziati i lavori per la nuova pista ciclabile che collegherà il Polo Universitario alla Fermata Ferroviaria di Borgata Paradiso e per la pista ciclabile lungo l’asse di Via Leonardo da Vinci che termina la connessione ciclabile di borgata Gerbido al centro cittadino.
Grande impegno per la realizzazione della nuova linea 5 del Servizio Ferroviario Metropolitano che, passando da Grugliasco, collegherà il centro di Torino all’Ospedale di Orbassano ed in futuro l’aeroporto di Torino. Grugliasco ha ottenuto una seconda fermata ferroviaria lungo via Tirreno, in posizione baricentrica rispetto alle Borgate Quaglia e Lesna e avrà come prevedibili ricadute sia la diminuzione del flusso veicolare verso il centro commerciale, sia la rivitalizzazione di alcune attività (come quella del Centro di Formazione Professionale sito in via Somalia) in grado di attirare fruitori da tutta la provincia. Importante anche il lavoro fatto sulle scuole del Barocchio, su cui stiamo lavorando con la Città Metropolitana per farne un campus moderno in grado di ospitare nuovi indirizzi di studio.
E’ inoltre terminato l’iter burocratico/amministrativo che porterà, nei prossimi mesi, alla cantierizzazione di quanto pianificato nel Piano Generale del Traffico (presentato lo scorso anno in tutte le borgate interessate da variazioni viarie): i lavori, oltre a creare benefici allo scorrimento veicolare, avranno anche l’esito di risistemare le pavimentazioni stradali migliorandone la sicurezza.
Per contattarci potete scrivere a partitodemocraticogrugliasco@gmail.com, inoltre potete seguire le nostre attività alla pagina facebook: Partito Democratico Grugliasco e sul nostro sito www.pdgrugliasco.it

Virginia Raggi: male la prima.

raggi

A Roma il mandato del Sindaco Raggi comincia nel peggiore dei modi.
Oggi pomeriggio, s’insediava l’Assemblea Capitolina, mi avrebbe fatto piacere seguire la diretta, allora ho aperto il sito del Comune di Roma ma lo streaming funzionava male ed a singhiozzo.
Ho chiuso ed ho ripreso a fare altro.
Prima però ho aperto twitter e mi sono accorto che sul profilo ufficiale del neo Sindaco Virginia Raggi, campeggiava appunto un banner con l’invito a fare ciò che avrei voluto fare.
Il banner infatti diceva: PRIMA ASSEMBLEA CAPITOLINA, GIOVEDI’ 7 LUGLIO 2016 ORE 15.00 AULA GIULIO CESARE – CAMPIDOGLIO.
Ora tralasciando il fatto che l’assemblea cominciava alle 15.00 ed il tweet veniva pubblicato alle 15.57, la cosa curiosa è che non veniva linkato il sito ufficiale del Comune di Roma ma quello di Beppe Grillo.
Ora, basta aprire il blog del comico geovese, azionista di maggioranza (o forse azionista unico) del Movimento 5 Stelle per notare l’impressionante mole di pubblicità che l’utente si deve sorbire durante la navigazione.
Tutti quei banner pubblicitari, ad ogni visita, cubano introiti per il proprietario del sito, introiti che Grillo non ha mai dichiarato pubblicamente, alla faccia della trasparenza che chiede sempre agli altri partiti!
Non penso che questa azione sia degna del Sindaco della Capitale, un giochetto maldestro utile solo ad arricchire le tasche del proprietario del suo partito.
Ancora una volta si conferma la vera missione politica di Beppe Grillo…

Vigili nelle borgate a Grugliasco per il progetto Città Sicura

vigili_urbani

Ricomincia mercoledì 22 giugno il progetto “Città sicura – Vigili nelle borgate”, organizzata dall’Amministrazione comunale e dalla Polizia Locale di Grugliasco, in collaborazione con le associazioni di Borgata (Città Futura, San Giacomo, Fabbrichetta, Lesna, Gerbido, Paradiso, Quaglia in Paradiso, Ecovolontari Reg, Orti Urbani, Auser, Associazione nazionale volontari carabinieri e i Carabinieri della stazione di Grugliasco. Il progetto prevede, dalle 16 alle 18, tre uomini della Polizia Locale di Grugliasco a disposizione dei cittadini per quasi un mese nelle borgate cittadine e una postazione mobile nei parchi cittadini per monitorare e controllare il territorio. I vigili di Grugliasco saranno a disposizione dei cittadini con l’intento di ascoltare e raccogliere direttamente sul posto le eventuali problematiche e segnalazioni dei cittadini. Inoltre gli agenti saranno impegnati in un servizio di vigilanza delle Borgate: 8 incontri e presidi del territorio nelle borgate di Grugliasco.

«Questo progetto – afferma il sindaco Roberto Montà – ha l’obiettivo di raccogliere segnalazioni e problematiche. Ma non solo. Vogliamo che i cittadini abbiano a disposizione un punto fisso in ogni borgata della nostra Città dove i nostri agenti della Polizia Locale siano presenti e disponibili. In poche parole una maggiore presenza sul territorio dell’Amministrazione e delle forze  dell’ordine. Anche i Carabinieri si sono resi disponibili a collaborare. In questo modo vogliamo affrontare anche il tema del vandalismo, dei piccoli reati e della microcriminalità. Chiediamo a tutti i cittadini di aiutarci a segnalare qualsiasi atteggiamento sospetto, purchè precisa e puntuale».

Calendario incontri:

GIUGNO

3. Mercoledì 29: Borgo San Sebastiano, presso sede associazione Città Futura;

4. Giovedì 30: Borgo San Giacomo, presso sede associazione nel Parco Aldo Moro;

LUGLIO

5. Mercoledì 6: Borgo Quaglia/Borgo Paradiso, presso sede associazione Quaglia in Paradiso;

6. Giovedì 7: Borgo Centro, presso sede REG Ecovolontari nel Parco Porporati;

7. Mercoledì 13: Strada del Gerbido, presso sede dell'Associazione Orti Urbani.

8. Giovedì 14: Borgata Fabbrichetta, presso il centro civico di via Cln 53