comunicati

No, allo smantellamento della Polizia Postale

Più di 70 Sezioni della Polizia Postale e delle Comunicazioni potrebbero essere presto chiuse.

Nel ricordare che la Polizia Postale svolge un importantissimo compito per contrastare in primis la PEDOFILIA in rete ma anche cyberbullismo, stalking, frodi telematiche e ludopatie varie, penso che la scelta sia oltre che anacronistica, anche sbagliata.

Non si può disperdere il patrimonio di competenze, specializzazioni e professionalità accumulate negli anni, specie in quest’era digitale.

Spero che qualcuno al Governo corregga il tiro e ci ripensi.

Le molotov non ci fermeranno, la nostra battaglia per la legalità andrà avanti

Questa mattina sul pianerottolo di casa del Senatore Esposito, sono state rinvenute 3 bottiglie incendiarie accompagnate da un biglietto sul quale si faceva riferimento ad un incontro “privato” avuto dal Senatore nella settimana appena trascorsa.

Con questo atto, i soliti delinquenti, hanno dimostrato di aver fatto un salto di qualità, non si limitano più ad azioni dimostrative ma hanno messo in piedi una vera e propria macchina organizzata capace di seguire il Senatore Esposito.

A lui, oltre ovviamente alla solidarietà, va un messaggio di incoraggiamento a continuare questa battaglia di legalità e giustizia.

Il suo infatti, prima ancora di essere un impegno per le infrastrutture è una lotta per la legalità che tutti noi, sia del PD che degli altri partiti politici dobbiamo portare avanti.

GRUGLIASCO: RIDUZIONI SUGLI ABBONAMENTI ANNUALI GTT RISERVATE AGLI STUDENTI

tramSono previste riduzioni tariffarie sugli abbonamenti annuali GTT per l’anno scolastico 2013-1024, riservate agli studenti, esclusivamente fino al livello secondario superiore, residenti nel comune di Grugliasco. Due le tipologie. La prima riguarda l’abbonamento studenti intera rete (rimborso 38 euro) ed è riservato a coloro che hanno acquistato l’abbonamento studenti intera rete con pagamento in contanti (potranno richiedere il rimborso di 38 euro entro il 29 novembre 2013), e a coloro che hanno acquistato l’abbonamento studenti intera rete con pagamento rateale (potranno chiedere il rimborso di 38 euro dopo il pagamento dell’ultima rata entro il 16 maggio 2014). La seconda l’abbonamento studenti rete urbana Torino (rimborso di 25 euro), rivolto a coloro che hanno acquistato l’abbonamento studenti rete urbana di Torino con pagamento in contanti (potranno richiedere il rimborso di 25 euro entro il 29 novembre 2013), e a coloro che hanno acquistato l’abbonamento studenti rete urbana di Torino con pagamento rateale (potranno chiedere il rimborso di 25 euro dopo il pagamento dell’ultima rata entro il 16 maggio 2014). La domanda di rimborso può essere scaricata direttamente di seguito in pdf o nella sezione trasporti del sito web del comune: www.comune.grugliasco.to.it e dovrà essere consegnata all’ufficio Sportello ala Città, atrio palazzo municipale, piazza 66 Martiri 2, dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 18,30. Si ricorda che presso lo Sportello alla Città non si possono effettuare fotocopie. Sono esclusi dall’iniziativa gli studenti che già usufruiscono di agevolazioni tariffarie.

SOLIDARIETÀ AD ERICA DI BLASI

Ancora una volta, in Val di Susa, vengono compiuti atti spregevoli nei confronti di una Donna, di una Lavoratrice, di una Giornalista. Ricordiamo le incredibili parole del prof. Zucchetti, noto elemento di spicco NO TAV che rivolgendosi ad una donna le diceva: «Piccina, solo per avvertirti che ho diramato un piccolo ordine di servizio fra i compagni e in Valle di Susa. Se osi far vedere la tua bella faccina di m…. da quelle parti ti sfondiamo la faccetta».

Questa volta invece, tre attivisti hanno circondato e seguito Erica di Blasi, giornalista de La Repubblica costringendola a consegnare i documenti e tentando di prenderle il cellulare. La giornalista, poi, è stata seguita fino all’auto alla quale hanno anche fotografato la targa. Per finire, circondata da una ventina di No Tav, è stata costretta ad andarsene.

I tre sono stati già individuati, ma non sono finiti in carcere per via della Legge “Svuota Carceri”.

Alla giornalista va la mia incondizionata solidarietà, oltre ad un sincero ringraziamento per la serietà ed il coraggio con cui svolge quotidianamente il suo lavoro. Ora, aspetto con ansia una presa di posizione di quella cosiddetta società civile che su certi temi non sempre si esprime.

In uno Stato democratico certi fatti non possono accadere: le minacce ai giornalisti ed ai lavoratori sono inaccettabili!

BENE SIGILLO REGIONE, MA LO SI ESTENDA AI LAVORATORI DEL COMPARTO SICUREZZA

Esprimiamo la nostra soddisfazione per la proposta dell’ufficio di Presidenza del Consiglio regionale del Piemonte di consegnare il Sigillo della Regione Piemonte ai lavoratori delle imprese impegnate nella realizzazione della TAV.

Si tratta di un importante segnale di vicinanza delle istituzioni a quanti sono vittime del vile clima di intimidazione mafio-terroristico che sta tenendo in ostaggio un’intera Valle.

Chiediamo al Presidente dente Cattaneo e all’ufficio di Presidenza del Consiglio regionale di estendere tale onorificenza anche ai lavoratori del comparto sicurezza (carabinieri, polizia, guardia di finanza, guardia forestale e militari) che stanno difendendo i principi della democrazia e della legalità.

Chiediamo scusa per i no tav, prima o poi, tutto finirà!

Questa notte, dopo aver presidiato tutto il giorno la rotonda del Vernetto a Chianocco in attesa di nuovi pezzi della Talpa (che però non sono arrivati), alcuni No Tav, evidentemente insoddisfatti del magro risultato riscosso durante la giornata, hanno pensato bene di andare a fare casino sotto l’hotel Napoleon di Susa. La struttura ospita una parte delle forze dell’ordine impegnate a vigilare sul cantiere TAV di Chiomonte.

“Esprimiamo massima solidarietà nei confronti dei gestori dell’hotel e di tutti gli ospiti, sia dei turisti che dei lavoratori del comparto sicurezza.

Restiamo fiduciosi, prima o poi, la pantomima finirà e queste persone che usano la scusa del treno per fare un po’ di “sana” lotta allo Stato torneranno alla vita normale”.

Lo afferma il responsabile del Settore Sicurezza del PD torinese, Raffaele Bianco

 

 Qui il video degli zombie

 

 

CON ITASTART GRUGLIASCO FORMA I NUOVI IMPRENDITORI

Al via il progetto Itastart per la realizzazione di un sistema di avvio e supporto alla nuova imprenditorialità in Italia, basato sullo sviluppo e sulla commercializzazione delle nuove tecnologie digitali e di “community”. Anche la Città di Grugliasco, grazie a una partnership con la Società Le Serre, Fondazione Ultramundum, CSP Centro Supercalcolo Piemonte, Consorzio TOP-IX e il professor Emilio Paolucci del Politecnico di Torino, vuole predisporre percorsi formativi finalizzati alla conoscenza delle opportunità imprenditoriali che l’uso delle tecnologie più avanzate sono in grado di mettere a disposizione.

Al centro del progetto, seguito dagli assessori al lavoro Anna Maria Cuntrò, alla Cultura Pierpaolo Binda e al Commercio Salvatore Fiandaca, ci sono la formazione e l’avvio di imprese basate sulla realizzazione, promozione e diffusione presso il mondo delle piccole imprese, artigianato e commercio, di servizi di marketing online 2.0, che utilizzino anche le rilevanti potenzialità di piattaforme come google, facebook, youtube ecc.

Itastart, grazie alle competenze dei diversi partner, formerà dei team di lavoro (future piccole aziende) che si rivolgeranno a questi imprenditori, offrendo diverse soluzioni per l’implementazione delle vendite e della promozione dei loro prodotti e servizi.

Secondo dati recenti solo il 31% degli artigiani e un numero esiguo di piccole imprese si avvicina alle piattaforme digitali per far conoscere la loro attività e i loro prodotti in mercati più estesi di quello abituale. I team di lavoro di Itastart, dopo un’adeguata fase formativa saranno in grado di definire una collaborazione con questi imprenditori per la gestione di sistemi di marketing online 2.0 utili a incrementare la commercializzazione della loro produzione. Il compenso del team sarà definito in percentuale sull’incremento del fatturato dell’azienda che ha accettato la collaborazione.

«Itastart, in altri termini – spiegano i tre assessori – raggiunge due obiettivi: da una parte crea le condizioni per lo sviluppo di nuove attività imprenditoriali per persone orientati alle moderne tecnologie di comunicazione; dall’altra rende disponibili alle piccole e medie imprese, ancora non attrezzate in questa direzione, di aumentare la loro competitività e i loro mercati potenziali».

La sede delle attività sarà all’interno del Parco Le Serre in via Tiziano Lanza 31 a Grugliasco, dove le persone selezionate per il progetto troveranno a loro disposizione gratuita sia il personale necessario alla didattica, sia le postazioni digitali dotate dei software più avanzati.

 

IN FUNZIONE IL NUOVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO AL NELLO FARINA: SI RISPARMIERANNO 10 TONNELLATE ALL’ANNO DI ANIDRIDE CARBONICA

nfarina

L´amministrazione comunale investe ancora una volta sulle energie rinnovabili e sul fotovoltaico. È, infatti, entrato in funzione dalla scorsa settimana l’impianto fotovoltaico, realizzato in tempi record (dal 3 al 12 giugno), sul fabbricato comunale “Nello Farina”, in via San Rocco 20, concesso in uso alla società Le Serre srl per le attività del Centro Anziani. L´impianto di potenza 16,80 KWp produrrà circa 18.976 KWp annui, evitando così l´emissione di circa 10 tonnellate all’anno di CO2 nell’ambiente e si estende su una superficie di 112 metri quadri, sul tetto del “Nello Farina” L´impianto, costato quasi 41mila euro, è entrato in funzione il 19 giugno in tempo utile al conseguimento degli incentivi statali, giunti ormai quasi al termine, grazie alla cooperazione tra la pubblica amministrazione, i dirigenti della società Le Serre srl, la STP Progetti srl di Savigliano e la D. & G. snc Impianti Elettrici di Borgo San Dalmazzo.  Queste due ultime società, sensibili all’inquinamento del pianeta, sono ormai da anni aziende leader nell’ambito delle energie rinnovabili, oltre che nell’impiantistica elettrica. «Ancora una volta un risultato concreto – affermano il sindaco Roberto Montà e l’assessore all’ambiente Luigi Turco – che conferma la strada che abbiamo intrapreso: quella di rendere gli edifici pubblici comunali indipendenti dal punto vista energetico. Il fotovoltaico è una valida alternativa ai classici carburanti inquinanti. In questo modo, con investimenti relativamente ridotti, riusciamo a far risparmiare le casse comunali e a introdurre meno anidride carbonica in atmosfera. Il progetto del fotovoltaico sui tetti degli edifici pubblici (scuole, centri civici) proseguirà ancora nel corso del 2013 e del 2014».

INTENSIFICATI I CONTROLLI NEI CONDOMINI SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

L’Amministrazione Comunale ha aumentato i controlli e ha iniziato a sanzionare chi è stato individuato ad abbandonare i rifiuti. Un controllo intenso che come obiettivo di raggiungere una maggiore percentuale di raccolta differenziata e, allo stesso tempo, ridurre i costi della rimozione e dello smaltimento dei rifiuti abbandonati che grava sulle casse comunali e, quindi, sulle tasche dei cittadini in maniera pesante. Sono stati intensificati i controlli sui caseggiati da parte dell’ispettore ecologico affinché la raccolta differenziata sia fatta in modo corretto. L’ispettore ecologico dopo aver verificato la non corretta raccolta nei contenitori è autorizzato a lasciare un avviso preventivo. Se nelle settimane successive la situazione non è cambiata verbalizza il condominio in questione.

«I tecnici del Comune, l’ispettore ecologico e gli agenti della Polizia municipale – afferma l’assessore all’ambiente Luigi Turco – cercano sempre di intervenire fornendo spiegazioni, prediligendo la formazione per correggere il non corretto svolgimento della raccolta differenziata, affinché la stessa possa essere fatta nel migliore dei modi. Si attua la sanzione sono in quei casi dove non c’è l’evidente volontà di mettere in atto i corretti comportamenti che vanno a discapito di tutta la cittadinanza».

Intanto da luglio del 2012 a maggio del 2013 sono stati sanzionati 40 condomini.

«Sono cifre che ci fanno riflettere – spiega l’Assessore all’Ambiente Luigi Turco – soprattutto perché il sistema del porta a porta è collaudato da anni, e quindi a parte qualche caso, diventano incomprensibile tali atteggiamenti. L’obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di raggiungere la percentuale del 65%, investendo sempre più risorse per aiutare i cittadini a differenziare meglio i propri rifiuti. Ai nostri cittadini chiediamo uno sforzo maggiore affinché tutti insieme si possa raggiungere l’obbiettivo prefissato. Naturalmente continueremo con un controllo sempre più capillare in tutta la città per un maggiore rispetto di chi tutti i giorni si impegna sulla strada della differenziata».

 

3,8 MILIONI DI INVESTIMENTI NELLE AREE INDUSTRIALI DELLA ZONA OVEST DI TORINO

Sono le risorse che impiegheranno i Comuni della Zona ovest di Torino per realizzare 11 interventi infrastrutturali nelle aree produttive. Le risorse da impiegare, afferma il presidente Ezio Bertolotto, sono l’esito di un lungo negoziato che la nostra Società Pubblica Zona Ovest di Torino srl, soggetto responsabile del patto territoriale, ha portato avanti con il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) e che si è concluso finalmente a fine luglio 2012 con la comunicazione ufficiale con cui il MiSE ha confermato la disponibilità di Euro 1.776.857,37 per finanziare interventi infrastrutturali nell’ambito del patto territoriale della Zona Ovest di Torino.

Il Sindaco della Città di Collegno Silvana Accossato, Comune capofila del Patto Territoriale, mette in evidenza che alle risorse ministeriali i Comuni hanno aggiunto una quota di cofinanziamento pari al 51% che porta l’ammontare complessivo degli investimenti a 3,8 milioni di euro, che avranno anche l’effetto indiretto di sostenere il settore edile dell’area pesantemente compromesso.

Il direttore tecnico della Società Rocco Ballacchino, precisa che gli interventi riguardano il miglioramento dell’accessibilità alle zone industriali, piccoli interventi tecnologici, il potenziamento dei parcheggi a servizio delle aree produttive, e il miglioramento dei sistemi di raccolta dei rifiuti prodotti dalle zone industriali. Tutta la documentazione progettuale sarà inviata al Ministero per lo Sviluppo Economico per l’istruttoria, entro il 26 Giugno, data di scadenza fissata dalla Circolare Ministeriale che ha stanziato le risorse.

Le opere che ricadranno nei Comuni di Alpignano, Buttigliera, Collegno, Druento, Grugliasco, Pianezza, Rivoli, Rosta, Venaria e Villarbasse, sono state validati dal tavolo della concertazione del Patto territoriale riunitosi a Collegno l’11 giugno 2013.

Torna all'inizio