LSR

«Con tutti i bisogni che hanno le famiglie, ci stiamo logorando e scannando su una cosa come i Dico? Ma con questi benedetti contratti mica si muore. Invece di fare cortei e fiaccolate, dovremmo pensare alle famiglie che non hanno una casa, che non hanno cultura, educazione, che non hanno soldi per mantenere i figli. Problemi veri, mica noccioline»
Don Gino Rigoldi, Corriere della Sera, 4 aprile

LSR

«Tutto si ripete. La Chiesa che negli anni Cinquanta condannava i lettori de l’Unità e de l’Avanti. Poi Gedda che epurava dall’Azione Cattolica Carlo Carretto e Mario Rossi accusandoli di essere eretici e comunisti. Poi l’opposizione alla legge sul divorzio. Questa Nota nega la libertà di coscienza. Cosa vogliono: Termopili perenni con gli Spartani cattolici contro i Persiani laicisti?»
Ettore Masina, cattolico, firmò il manifesto pro-divorzio, la Repubblica 30 marzo

LSR

«Anche se un Paese ha come politica ufficiale quella di non negoziare con i terroristi la realtà è ben diversa. Molti governi preferiscono agire in silenzio con denaro o riscatti pagati dai governi locali o dalle compagnie dei lavoratori rapiti. Israele ha proceduto regolarmente a scambiare prigionieri»
New York Times 25 marzo

LSR

«Non considero miei colleghi quelli che hanno messo in piedi la vergognosa gogna mediatica contro Silvio Sircana. Nei miei colleghi, come in me, possono esserci dei difetti, delle incapacità, ma abbiamo l’attenuante della buona fede. Non siamo cretini per conto terzi»
Enzo Biagi la Repubblica 22 marzo

LSR

«Silvio è sempre un affarista. Ha ritirato le foto della figlia e le ha pagate 20mila euro poi le ha vendute a 50mila euro a “Chi” e per 100mila a Vespa. Così ci ha guadagnato 130mila euro. Adesso tutte le sere chiama Barbara e le dice: “ma esci questa sera cosa ci fai a casa a guardare il Grande Fratello?”»
Roberto Benigni, durante lo spettacolo «Tutto Dante» a Milano, Ansa 20 marzo

LSR

Scuola di giornalismo. «”Garrottiamoli i gay”. Un castighetto da niente. “Ma non la garrota di Francisco Franco. Alla maniera degli Apache: cinghia bagnata legata stretta intorno al cranio. Il sole asciuga il laccio umido, il cuoio si ritira, il cervello scoppia”. Lei è l’assessore ai giovani. Come vivono a Milano?»
Intervista all’assessore di Formigoni, Pier Gianni Prosperini (An), “Il Giornale” 18 marzo

LSR

«Nonno dice: è successo che certi comunisti hanno votato contro certi altri comunisti e questi altri comunisti hanno votato insieme a certi democristiani, ma certi altri democristiani hanno votato insieme ai fascisti e a quei comunisti che avevano votato contro. Questo significa che i comunisti stanno contro i comunisti, che i fascisti stanno contro tutti e che i democristiani sono da tutte le parti»
Ascanio Celestini, testo letto il 4 marzo a «Parla con me», Rai3.

La Striscia Rossa

Et voilà! Guarito. «Alcuni nostri militanti curano un corso per reimpostare la vita dei gay che vogliono uscire dalla omosessualità. È importante far sapere che dalla omosessualità si può uscire. La società è minata da questa quinta colonna del relativismo nichilista di cui gli omosessuali sono un potere da rovesciare»
Paolo Sorbi, presidente sezione lombarda Movimento per la Vita, Libero 7 marzo

La Striscia Rossa

«Non è certo una questione personale. Credo sia invece una questione di civiltà. Con questa legge noi non vogliamo togliere nulla alla famiglia, non vogliamo equiparare altre forme di convivenza al matrimonio. Vogliamo solo allargare i diritti e i doveri di ogni persona che investe in affetto, amore e solidarietà».

Barbara Pollastrini, Corriere della Sera, 2 marzo