Articoli con tag roberto cota

Saitta: “Quanto conta Cota? Banco di prova sui mondiali di slittino”

Quanto conta Cota? Se lo chiedo il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta che lancia la provocazione con un gioco di parole sul nome del presidente della Regione Piemonte.

“Se Cota conta davvero a Roma – dichiara il presidente della Provincia Saitta – ha l’occasione di dimostrarlo portando a casa entro martedì 15 l’impegno del Governo a favore della pista di bob a Cesana con l’assegnazione dei mondiali di slittino. Il sistema Piemonte del quale mi onore di fare parte non può perdere questa occasione: Cota chieda al Governo di non sprecare la proroga e di salvare la prossima stagione invernale delle nostre montagne olimpiche”.

Il sindaco di Grugliasco incontra l’onorevole Cota, candidato alla presidenza della Regione Piemonte.

Con circa un’ora di ritardo e, dopo averlo aspettato nella giornata di ieri, il sindaco di Grugliasco, Marcello Mazzù, ha salutato l’onorevole Cota che ha partecipato ad un’iniziativa promossa dall’associazione Altrocanto e dal suo presidente don Angelo Zucchi. “Finalmente ho avuto modo di salutare l’onorevole Cota a Grugliasco, atteso per circa un’ora presso la chiesa di Santa Maria a seguito dell’invito dell’associazione Altrocanto presieduta dal parroco don Angelo Zucchi. Spero che il ritardo non fosse dovuto alla sua non conoscenza della città, peraltro a qualche chilometro dal centro di Torino, ha incalzato Mazzù. Non siamo nel deserto bensì nella “città della salute”, ovvero nel comune che è candidato ad ospitare il nuovo e moderno ospedale e con esso le strutture di ricerca e innovazione funzionali allo sviluppo della sanità piemontese e italiana. Come sindaco, avendo avuto notizia della sua presenza, ho ritenuto opportuno porgere il mio benvenuto, accompagnato da parte della mia giunta, per ribadire, seppur in un luogo inconsueto e solitamente estraneo a iniziative politiche qual è una parrocchia, la necessità di convergenza sul progetto della città della salute. Al di la delle appartenenze e della competizione elettorale, si tratta di un progetto che favorisce un ridisegno della sanità e garantisce prospettive di sviluppo che vanno nella direzione di rispondere ai bisogni dei cittadini e alla necessità di integrare cura e ricerca. Grugliasco non è nel deserto, ha ripetuto Mazzù, bensì un comune importante al centro dei processi di trasformazione dell’area metropolitana, che non può essere oggetto di semplificazione elettorale da parte del candidato alla presidenza della regione del centro destra. Ci tenevo a dirglielo di persona, confidando che i grugliaschesi riuniti dal parroco don Angelo Zucchi per l’occasione, aiutino l’onorevole Cota a mutare le sue opinioni e a rivalutare Grugliasco e la localizzazione della città della salute.

Cota e il premier uniti da uno zero in geografia

LaStampa

«Sulla Tav sarebbe meglio che Berlusconi parlasse meno e agisse di più a partire dal finanziare quello che deve finanziare visto che a gennaio 2009 firmò un impegno (300 milioni) per sistemare il “nodo” di Torino: stiamo ancora aspettando». Mercedes Bresso commenta così le dichiarazioni di Silvio Berlusconi che dal palco di piazza del Popolo a Roma ha incoronato Roberto Cota come il presidente del Piemonte che «finalmente farà partire l’alta velocità». E aggiunge: «Abbiamo capito cosa unisce Cota e Berlusconi: non conoscono la geografia. Il leghista ha sbagliato i confini del Piemonte e ieri il premier ha parlato di alta velocità che “unirà l’Atlantico al Pacifico”. Lisbona, città da cui parte il corridoio europeo ferroviario che passa a Torino, effettivamente si affaccia sull’Atlantico, ma Kiev, dove la linea dovrebbe approdare, si trova in Ucraina ad alcune migliaia di chilometri dal Pacifico».

E Cota “scivola” sul rinnovamento

MARCO TRABUCCO – Repubblica
«LE MUMMIE devono stare al Museo Egizio. C´è bisogno di rinnovamento, e noi vogliamo svecchiare il Piemonte» dice Roberto Cota, arringando la folla di piazza San Carlo, oltre duemila persone arrivate da tutta la regione per il Cota Day. Lo dice convinto e in cambio riceve una grande applauso, mentre sul palco, di fianco a lui ci sono Enzo Ghigo (per 10 anni governatore e poi senatore Pdl), Carla Spagnuolo (che fa parte del suo listino ed era già assessore negli anni ‘80 per il Psi come altri membri la cui età media è ben superiore ai 50 anni e quella politica ai venti). C´è anche Deodato Scanderebech, anche lui ben sopra i 50 e in politica da almeno 15, c´è Agostino Ghiglia che è vero, ha iniziato giovanissimo, ma sono almeno 30 anni che calca le scene della politica torinese e nazionale. Cota tra l´altro ha appena incassato l´appoggio di un personaggio importante del sottobosco politico torinese, quel Giuseppe Bracco, docente universitario, ex assessore Dc, ex presidente Ascom, anche lui da decenni tra i potenti di Torino e che fino a poco fa veniva attribuito al centrosinistra. È lo stesso Cota d´altronde che l´altro ieri ha appena assicurato a Giampiero Leo (un altro fringuello della politica, assessore solo dai primi anni ´80) che se vincerà la delega alla Cultura sarà ancora sua. «Cota si presenta come l´innovatore e poi i suoi sponsor sono politici di lungo corso che in quanto a novità fanno davvero sorridere» commentava il parlamentare Pd Stefano Esposito in piazza ad ascoltare il messaggio del «nemico».
Tutto vero, ma intanto fra esplosioni di coriandoli e lancio in cielo di palloncini, l´arringa di Cota, candidato del centrodestra che fra due settimane contenderà a Mercedes Bresso la guida del Piemonte, è andata avanti senza tanto badare alla coerenza. I temi sono quelli ormai classici della sua campagna elettorale: «Il mio sogno è tornare qui, da Roma, per far saltare la cappa della sinistra al potere, che non lascia respirare il Piemonte. Con la sinistra, a Torino imperversano il modello Tunisi con gli immigrati e il modello Zapatero con la famiglia e negli asili nido i nostri si vedono scavalcare dagli stranieri». Va bene così e quello che la folla verdeazzurra («non ne vedevamo tanta di nostra in piazza dai tempi di Roberto Rosso contro Chiamparino qui a Torino, questa è la volta buona che vinciamo» dice Ghiglia) vuole sentirsi dire. Tra Cota e Ghigo, tra Barbara Bonino ed Elena Maccanti (almeno loro sì giovani e donne) sul palco sfilano giovani cantanti (non male, molto, molto pop) in una atmosfera da festa tra amici che ha come modello proprio gli «Amici» televisivi della Maria De Filippi. D´altronde anche il pubblico sembra essere lo stesso quello largamente maggioritario dell´Auditel.
Così anche il ritornello più debole di questo Cota elettorale (quello sulla necessità dei far ritornare a Torino il Salone dell´auto, usato come simbolo un po´ consumato del rilancio del Piemonte) passa senza difficoltà tra lo sventolio delle bandiere dei Giovani Padani e gli ultimi attacchi a Bresso: sulla gestione della Sanità, ovviamente «dove eliminando i suoi sprechi potremmo introdurre le cure odontoiatriche gratuite per i nostri anziani», e ovviamente sul caso Soria: poi si torna a cantare.

IL PERICOLO LEGA E LE OCCASIONI SPRECATE DAL PD

«Noi dobbiamo bandire dalle nostre file ogni ideologia fiacca e sterile. Tutti i punti di vista che sopravvalutano la forza del nemico e sottovalutano la forza del popolo sono errati» (Citazioni dalle opere del presidente Mao Tse Tung)

Ettore Boffano – Repubblica

L´ultima puntata di “Annozero” ha dimostrato che è possibile, avendo capacità comunicative e intelligenza, non solo ribattere alle tesi di Roberto Cota, ma addirittura mettere alle corde l´essenza stessa delle posizioni del Carroccio e della sua presunta “rappresentatività” del sentire più profondo e istintivo del Nord.

Singolarmente, in quell´occasione, il compito di contrastare il capogruppo della Lega alla Camera non è toccato a un esponente politico del centrosinistra, ma a un giornalista: Gad Lerner. Un Lerner che, senza mai rinunciare durante l´intera puntata della trasmissione di Michele Santoro a fare (e bene) soprattutto il suo mestiere (quello appunto del giornalista), ha saputo far emergere tutte le contraddizioni e le negatività del Cota-pensiero.

La qualifica professionale di Lerner, però, non impedisce di pensare che questa missione di smascheramento dell´evidente pericolo per il Piemonte di una deriva leghista, con il voto delle prossime regionali, possa e debba essere la vera questione dell´imminente campagna elettorale del centrosinistra piemontese. E perché, se una simile impresa è riuscita a un giornalista, non può essere un politico ad assumersi questo compito?

La questione leghista, le posizioni del partito di Bossi soprattutto sui problemi dell´immigrazione e della sicurezza (che ogni giorno inducono alla protesta e alla contestazione persino la chiesa di Ratzinger) costituiscono infatti per Mercedes Bresso e per il centrosinistra piemontese la vera chiave di volta della sfida regionale. Su questo tema (unito alla prossima e inevitabile caratterizzazione nazionale del voto: un referendum pro o contro Berlusconi) si giocheranno nelle prossime settimane le condizioni perché il presidente uscente del Piemonte possa non solo recuperare il distacco che divide il suo schieramento da quello avversario (i sondaggi parlano quasi tutti di un vantaggio del centrodestra tra i 5 e i 6 punti di percentuale), ma addirittura recuperare una parte del proprio consenso personale in quegli ambienti del mondo cattolico e della moderazione sociale che (nella stessa Torino) hanno visto con sfavore il modo con il quale il Pd si è adagiato sulla sua ricandidatura.

Ciò che il leghismo rappresenta, in campo sociale e di organizzazione della società (ma anche in termini di subordinazione del Piemonte, in caso di vittoria di Cota, al modello e alle egemonie della Lombardia) può diventare il volano di un orgoglio regionale (la piemontesità intesa come pacatezza e rigore contrapposti al “bauscismo” di Bossi e dei suoi) e di una chiamata alle armi dell´identità della sinistra subalpina capaci di incidere sui rapporti di forza della prossima contesa elettorale.

Ed è in questa chiave che si deve considerare come un´occasione sprecata, quando ormai il no di Sergio Chiamparino appare irrevocabile, la proposta di far guidare le liste del Pd in Piemonte dal sindaco di Torino e da altri autorevoli esponenti delle amministrazioni locali piemontesi. Escogitata con altri scopi (alcuni dei quali mai dichiarati perché indichiarabili) da alcuni dilettanti della politica, gestita con molta approssimazione dal segretario regionale Pd Gianfranco Morgando e fatta trapelare con troppa superficialità sia da chi la condivideva che da chi la avversava, essa invece avrebbe potuto diventare il simbolo di una battaglia contro il leghismo e contro la subordinazione del Pdl subalpino alla rendita di posizione del partito di Bossi. A patto che la proposta fosse subito presentata per il suo indubbio valore politico (la difesa della diversità piemontese rispetto all´onda lunga della Lega Nord e la presa d´atto di ciò che personaggi come Chiamparino rappresentano per il centrosinistra locale e italiano) e dall´immediata precisazione che le candidature dei primi cittadini e dei presidenti di Provincia restava legata solo a una disponibilità di “servizio”, senza alcuna conseguenza per la stabilità delle amministrazioni coinvolte.

Così non è stato, mentre lo slogan di «Chiamparino capolista» veniva affossato dalla sensazione che esso volesse solo coprire un espediente elettorale e dalle argomentazioni un po´ provinciali e un po´ gianduiesche dei commentatori pronti a ripetere il solito ritornello del «sindaco che non può tradire il mandato dei cittadini». A questo punto e in quelle condizioni, bene ha fatto il sindaco di Torino a rifiutare la proposta. Resta aperta invece la questione della battaglia contro il pericolo leghista e rimane in piedi la possibilità che il confronto di questi giorni abbia indicato, soprattutto al Pd, la necessità di un´unità di intenti determinante in vista della campagna elettorale.

Torna all'inizio