Taglio dei parlamentari, chi ci guadagna?

Posted by

La crisi politica in cui versa il nostro Paese, non si risolve col taglio dei parlamentari. Non si risolve neppure la crisi economica, infatti, con il tanto sbandierato taglio, si risparmiano circa 80 milioni all’anno, pari ad appena lo 0,005% della spesa pubblica italiana.
Sostanzialmente 2 euro e 15 centesimi a famiglia.
Con la modifica degli articoli 56 e 57 della Costituzione si passa dagli attuali 630 a 400 deputati e dagli attuali 315 a 200 senatori: in totale avremo 600 rappresentanti al posto degli attuali 945, 345 in meno.
Ad oggi il rapporto tra parlamentari eletti e abitanti in Italia è di 1 eletto ogni 64mila persone, dalla prossima legislatura il rapporto sarà di un eletto ogni 101mila, che, tradotto in un linguaggio più semplice, significa che sarà sempre più complicato avere un rapporto con loro e sarà sempre più complicato, per loro, riuscire ad occuparsi dei cittadini.
Il problema a mio avviso, non riguarda tanto la quantità ma la qualità degli eletti. Se qualcuno vuole intraprendere un’iniziativa in tal senso, trova la mia immediata disponibilità.

Leave a Reply